vita-di-coppiaQuesta è la terza puntata di un programma dedicato alla salute e al benessere trasmesso da Radio Kolbe Rovigo sulle frequenze  91.200 sulla tematica della coppia.

In questa puntata vedremo un po’ una serie di piccoli consigli … o di trappole da evitare in un rapporto di coppia.

1) La prima trappola e quella del pensiero del tutto-nulla cioè vedere il nostro compagno o la nostra compagna come colui o colei che fa sempre la cosa sbagliata e non fa mai la cosa giusta.

 

 

Ecco quindi evitare o accorgerci se si stanno usando termini sempre o mai questa trappola del tutto-nulla

che generalizzando non ci permette di vedere le sfumature, i piccoli dettagli e quindi questo è un errore che alla lunga allontana i due piuttosto che avvicinarli.

2) A volte entrare dentro all’idea di poter trarre delle conclusioni catastrofiche come esagerare le azioni negative o gli eventi negativi che riguardano il nostro compagno la nostra compagna,

affermazioni del tipo “hai dimenticato di pagare la bolletta adesso chi sa cosa succederà ci taglieranno la corrente”.

Partire con un catastrofismo inutile quando è l’errore può essere risolto con maggior facilità.

3) Un’altra cosa ancora è l’uso indiscriminato del  dovresti.

Anche questo è un virus che se entra nel rapporto di coppia può portare a dei danni perché assumere che il nostro compagno o la nostra compagna

debba incontrare uno o più dei nostri bisogni semplicemente ritenendo che li debba conoscere.

Quindi frasi del tipo: “dovresti sapere quanto odio il mio lavoro, dovresti sapere quanto odio quella cosa, o quel tipo di situazione…”

 

Nella coppia la tendenza nel pensare che l’altro o l’altra ci possono leggere nel pensiero solo perché viviamo assieme è un virus che allontana.

4) Il gioco della colpa.

Quando succede qualcosa attribuire la colpa al nostro partner o alla nostra compagna,

anche questo è un errore che a volte rischiamo di fare e che potrebbe danneggiare il rapporto di coppia.

5) Quando ci focalizziamo e continuiamo a restare fissi sulle aspettative idealizzate che abbiamo vissuto, che si sono radicate in noi e ci dimentichiamo  invece che il tempo passa,

i mesi passano, gli anni passano ed è naturale anche cambiare con gli anni.

Ecco quindi che essere in grado di trovare le qualità e i comportamenti positivi

del\la nostro\a compagno\a è la chiave per superare questi virus e quando sei in un momento critico

vai a riprendere gli aspetti positivi e le qualità della persona che ti sei scelto, di cui ti sei innamorato per poi eventualmente affrontare quelli negativi.

E adesso per concludere, vediamo un po’ quali sono o possono essere le regole e i consigli per stare bene insieme.

  • Evitiamo di fare l’errore di pretendere di condividere tutto con il proprio compagno compagna,

separarsi ogni tanto fa bene nel senso che non è che se non si va a fare la spesa tutti giorni insieme se non si va a messa tutte le domeniche insieme

se non si va a prendere i figli a scuola tutti giorni assieme significa che non ci si vuole bene,

perché assieme all’amore che si può provare attraverso il proprio compagno o compagna c’è anche il resto del mondo che è possibile vivere anche come singoli.

  • Ricordarsi di festeggiare sempre gli avvenimenti importanti, i compleanni, gli anniversari e creare come coppia dei piccoli rituali che permettano di consolidarsi e di essere coppia speciale.

 

  • Un’altra cosa importante è quella di non cercare di cambiare il proprio partner perché questo è l’errore base che rovina il rapporto di coppia,

cioè fare in modo di costringere l’altro o l’altra ad essere come noi vogliamo e a smettere che faccia cose che a noi non piacciono perché questo non è il miglioramento dell’altro ma è l’inizio della rovina dell’altro (sempre ovviamente che non siano cose che vanno contro i valori di base e la  mancanza di rispetto basilare del rapporto) .

 

  • Un ultimo consiglio è che è quello che riguarda la sessualità e sull’intimità.

E’ sempre interessante permettersi di far come si era nei primi giorni del rapporto di coppia cioè continuare un po’ a sperimentare ed a tenere viva l’attenzione verso l’altro o verso l’altra senza mai dare nulla per scontato.

  • Un’altra cosa utile da ricordare è quella di mantenere la dimensione del gioco con il proprio partner perché è bello far uscire il proprio lato infantile,

il proprio lato bambino e quindi giocare, divertirsi e farsi dei piccoli scherzi, ridere insieme,

magari creando appositamente dei momenti in cui questa cosa si può fare per mantenere un po’ viva la creatività e la passione della coppia e il bel modo di stare insieme.

Ricordo che il rapporto di coppia non vuol dire fare terapia per aiutarsi a risolvere i propri problemi psicologici; quindi non usate il partner come se fosse uno psicoterapeuta.

Può essere utile condividere i propri problemi, le proprie situazioni di disagio, ma non aspettatevi che il vostro compagno-compagna vi faccia da terapeuta, perché il terapeuta è una cosa e il vostro compagno un’altra.

Ultima cosa ma non in ordine di importanza: ricordatevi di dire spesso al vostro compagno e alla vostra compagna quello che provate per lui e per lei: un”ti voglio bene, ti amo, sei importante per me, “perché anche se sapete che lo sai già, non importa, sentirselo ripetere è piacevole ed è importante per il rapporto stesso di coppia.